venerdì 25 marzo 2016

Recensione #36: Puoi fidarti di me di Leisa Rayven (Bad Romeo #2)

Ciao a tutti lettori ^_^
Ma quanto è bello essere in vacanza! Mi sto rilassando e sto spendendo un mucchio di tempo in compagnia dei libri, ne avevo proprio bisogno, le scorse settimane sono state davvero stressanti, ormai non ce la facevo più :c Ho anche avuto tempo di dedicarmi a Photoshop, che ne dite della nuova grafica? Vi piace? Stranamente ci ho messo pochissimo a creare l'header, è stata un'idea che mi è venuta sul momento e visto che non avevo niente di fare, ho acceso il computer (non il mio che è ancora in assistenza :( ) e questo è il risultato, fatemi sapere cosa ne pensate o se avete consigli da darmi :)

Veniamo oggi ad una recensione a lungo rimandata, quella su Puoi fidarti di me di Leisa Rayven, il secondo libro della duologia/saga Bad Romeo (in realtà si chiama Starcrossed ma io la chiamo Bad Romeo dal nome del primo libro, anche per non creare confusione con l'altra saga Starcrossed).
Qui potete leggere la recensione che ho scritto riguardo al primo libro, attenti a leggere questa qui perché potrebbero esserci spoiler sul primo libro, io l'ho detto perciò non datemi la colpa in caso u.u

Titolo: Puoi fidarti di me
Autore: Leisa Rayven
Casa editrice: Fabbri Editori
Data di pubblicazione: 11 giugno 2015
Trama: Attenzione se non avete letto il primo libro La forza dell’amore vince sempre. Tranne quando manda in pezzi tutto. Cassie e Ethan si sono conosciuti, poco più che ventenni, all’Accademia d’Arte di New York: elettrizzanti ed esplosivi sulla scena, complicati e riservati dietro le quinte. Travolti da un’attrazione che li ha avvicinati sin dal primo istante. Si sono amati. Si sono spezzati il cuore.
È passato qualche anno e Ethan di nuovo ha mandato al l’aria tutto: ora deve convincere Cassie di essere cambiato, di essere finalmente l’uomo che lei merita. Cassie, però, non ha dimenticato, e alle sue orecchie le promesse di Ethan suonano come minacce.
Lui per convincerla è disposto a tutto: le offre uno sguardo sulla sua parte più nascosta, permettendole di leggere i suoi diari scritti all’epoca del college. Ma come può Cassie concedergli un’altra possibilità sapendo che potrebbe distruggerla di nuovo?
Come se non bastasse, i due si ritrovano a recitare insieme in uno spettacolo romantico e sensuale, che mette a dura prova i loro istinti più inconfessabili, annullando ogni razionalità. Il copione sembra ripetersi: se Romeo e Giulietta li ha fatti avvicinare, questa nuova pièce rischia di distruggerli una volta per tutte.
Shakespeare una volta ha scritto: “Mai è stato liscio i l corso del vero amore”. Sembra proprio che quella frase sia stata pensata per Ethan e Cassie…


Dopo aver letto il finale del primo libro, o meglio l'interruzione della storia, non stavo più nella pelle per leggere il secondo, ero troppo curiosa di scoprire chi aveva bussato alla porta!
Rivediamo Cassie ed Ethan proprio dove li avevamo lasciati, lui che dichiara il suo amore a lei e lei che in fondo dentro di sé, capisce che il suo cuore vuole dare un'altra possibilità ad Ethan.
Nel secondo libro scopriremo pian piano il percorso che Ethan ha affrontato durante il suo soggiorno in Europa, ha lavorato molto su se stesso, cosa non facile che l'ha portato ad essere l'Ethan del presente, molto più maturo e controllato di quello del passato.
«C'è chi dice che, se ami davvero qualcuno, devi lasciarlo libero. Se torna è tuo; se non torna non lo è mai stato.»
All'inizio le luci sono basse e, più siamo vicini, più diventano intense.
«Ma tu non ci credi vero?» domanda Ethan.
[. . .] «Quindi no» proseguo, non credo che se ami davvero qualcuno devi lasciarlo libero. Credo che, se ami davvero qualcuno, devi combattere per averlo. Strillare, urlare, battere i pugni finché non sa... finché non capisce... che è tuo, prima che decida di andarsene.
Tutte le domande lasciate in sospeso nel primo libro avranno ora una risposta, infatti scopriremo tutti i dettagli della loro storia, scopriremo davvero tutto quello che è successo tra i due ai tempi dell'Accademia, cosa li ha portati alla situazione presente in cui i loro ruoli sono ribaltati.
Cover originale
Infatti anche questo secondo libro è un'alternanza fra capitoli nel presente e altri nel passato, cosa che anche qui ho apprezzato molto, Cassie riavvicinandosi a Ethan rivive i momenti del passato e ritroviamo di nuovo l'alternarsi fra un Ethan arrabbiato e spaventato dell'amore e un altro comprensivo e pronto a reincollare i pezzi di Cassie, che lui stesso aveva rotto 3 anni prima.
Lei è davvero spaventata dall'idea di ridare una possibilità Ethan ma in fondo non può resistere all'attrazione che c'è fra loro e il fatto che i due debbano recitare insieme non aiuta, l'alchimia che si crea in questa coppia, sia sul palco che fuori, è incredibile. Nonostante ne sia consapevole Cassie ha paura di fidarsi di nuovo di Ethan, teme che lui possa distruggerla ancora e questa volta potrebbe non riprendersi, però vede anche che è cambiato, sembra davvero voler sistemare le cose, quindi suo malgrado Cassie si ritroverà a riscoprire il suo amore per lui che per molto tempo ha cercato di cancellare e con l'aiuto di Ethan, si imbarcherà anche lei nello stesso percorso che ha seguito lui, quello dell'introspezione, quello che l'aiuterà man mano a capire e accettare i suoi sentimenti.
Le persone sono come vetrate colorate: luccicano e brillano se splende il sole; ma, quando cala il buio, la loro autentica bellezza si rivela solo se una luce le illumina dall'interno.
Anche in questo sequel la Rayven non ci risparmia scene molto bollenti che nel primo libro mi avevano lasciata interdetta semplicemente perché non me le aspettavo, qui invece mi sono piaciute, forse anche perché la dirompente passione che travolge i personaggi qui è resa in un modo più romantico. Ho ritrovato anche lo stile semplice e molto fluido dell'autrice che davvero spinge a
leggere il libro in un batter d'occhio.
È difficile dire che il primo libro sia migliore o peggiore del secondo perché è più come se fossero un'unica cosa, tuttavia ho comunque notato una differenza, il secondo libro mi è piaciuto di più perché l'ho trovato più profondo, più toccante. Inoltre ho trovato il personaggio di Cassie cresciuto: in questo libro sembra meno adolescente, meno impulsiva e tagliente ma più riflessiva. Il tono del secondo libro è più "malinconico" forse, non nel senso che sia più triste ma nel senso che è più denso di sentimenti secondo me.
Elissa se ne va e io resto sola, seduta su un letto finto in una casa finta, sforzandomi di trovare un modo per creare una persona vera usando tutte le parti finte di me.
Dovendo dare un voto, direi 4 stelle e mezza, considerando anche che al primo libro avevo dato 4 stelle seppur scarse... oltretutto ne darei 100 solo ad Ethan che è fantastico, almeno quello del presente, è un tesoro! Mentre mi sono ritrovata ad odiare quello del passato a volte...

2 commenti:

  1. Ciao nuova follower e blogger :-)
    Ti va di vincere dei cartacei? Passa da me!
    http://ilcuoreinunlibro.blogspot.it/2016/03/vecchio-amico-3-libri-senza-tempo_4.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta nel mio angolino :)
      Passo subito a vedere di cosa si tratta!

      Elimina