martedì 8 dicembre 2015

Recensione #31: The sea of tranquility (Il tuo meraviglioso silenzio) di Katja Millay

Buonasera a tutti quanti :D
Vengo da una full immersion in storia dell'arte, ho un sacco di pagine per venerdì, spero di farcela! Voi come state?
Era da un po' che non recensivo qualcosa ma diciamo che le mie recensioni ritornano con un libro meraviglioso! Oggi infatti, vi parlo di The sea of tranquility che come vi avevo anticipato mi è stra-piaciuto *___*

The Sea of Tranquility
Trama:
Un fenomeno del self publishing: un ragazzo solitario, una ragazza con un segreto da dimenticare, la magia delle seconde possibilità. A soli diciassette anni Nastya era una promessa della musica, ma ora ha perso tutto: la sua identità, la voglia di vivere, la voce. Da 452 giorni ha smesso di parlare, e l’unica cosa che desidera è tenere nascosto il motivo del suo silenzio. La storia di Josh, invece, non è un segreto: in poco tempo ha perso tragicamente le persone più care che aveva accanto, e ora cosa gli rimane? Di giorno: gli sguardi giudicanti degli altri addosso. Di notte: scolpire il legno in solitudine. Quando sembra non esserci più luce né speranza, Nastya e Josh si trovano e le sensazioni sopite esplodono inarrestabili dal corpo e dal cuore. Due lontananze si incontrano, trovando l’una nell’altra la forza di superare il passato e rinascere davvero.
Recensione:

Questo libro è stato eccezionale, e potrei snocciolare tantissimi altri aggettivi, il punto è che questo libro mi è davvero piaciuto tantissimo, è senza dubbio il miglior libro che abbia mai letto, e mi ha colpita talmente tanto che trovo difficile esprimerlo a parole, ma voglio provarci comunque, sappiate quindi che questa recensione potrebbe risultare un po' illogica xD
Edizione italiana
We're like mysteries to one another. Maybe if I can solve him and he can solve me, we can explain each other. Maybe that's what I need. Someone to explain me.
Dunque cerco di andare con ordine: Natsya mi è piaciuta fin da subito, mentre di solito sono i personaggi maschili a convincermi per prima ma Natsya è un personaggio davvero intenso, molto diverso dalla maggior parte delle protagoniste di cui ho letto finora, era una promettente pianista che
amava la musica più di ogni altra cosa al mondo e poi ha perso l'uso della mano sinistra e con quella anche la gioia di vivere, Natsya ha smesso di parlare per non dover mentire, il suo personaggio è ricco di introspezione, di monologhi interiori davvero toccanti.
I think I'll stay in pieces. I can shift them, rearrange, depending on the day, depending on what I need to be. I can change on a whim and be so many different girls and none of them has to be me.
Questo vale anche per Josh, un ragazzo che ha perso tutti e che preferisce vivere nella solitudine, un ragazzo molto profondo e riflessivo, che si rifugia nel suo garage pieno di legno a creare mobili. Entrambi sono così realistici! E ho apprezzato moltissimo l'alternarsi dei loro punti di vista che ha reso la storia decisamente più completa.
There really isn't a way to explain how a person you've seen every day of your life just isn't anymore. Someone just hit Delete and she's gone
L'evolversi della loro relazione poi è stato grandioso nella sua semplicità, senza chissà quali colpi di scena, ma allo stesso tempo non banale, cosa difficile da evitare in questo genere di libri. Ci sono molte scene teneressime ma originali e per niente melense (una per tutte quella delle monetine nella fontana *_*oppure le scene nel garage o in cucina <3 non è uno vero spoiler, ma per sicurezza...)
Oltre a Natsya e a Josh, ho amato anche i personaggi secondari del libro, tutti quanti, dal primo all'ultimo, Drew è fantastico, un po' donnaiolo ma in fondo un buon amico, e che dire di Clay? Ho adorato la sua storia e la sua arte *_*

Questo libro ha un ottima storia ma non solo: è anche scritto in modo incredibile! È riuscito ad arrivarmi, a commuovermi ma non rattristarmi, infatti non sono sprofondata nelle lacrime come mi è successo altre volte, a farmi ridere e farmi venire le farfalle nello stomaco e a farmi riflettere su alcune cose.

Questo libro è stato semplicemente perfetto, non so se è dipeso dal fatto che l'ho letto in lingua originale ma ogni parola sembrava perfetta lì dov'era e non ho mai provato questa sensazione prima d'ora. Ogni frase che leggevo mi regalava qualcosa.
Nel corso del libro sono disseminati anche degli indizi sul passato dei protagonisti, di cui vi ho volontariamente detto poco (così come per la trama) per non rovinarvi la lettura, e alla fine tutto torna, come un puzzle. (spoiler: Natsya aveva visto il garage!! Ecco perché le sembrava familiare *_* Ci sono rimasta di stucco, avevo dimenticato quel dettaglio)

Vi consiglio assolutamente di leggere questo libro, so che probabilmente avete una lista di libri da leggere chilometrica e poco tempo a disposizione, ma fidatevi, se non lo avete ancora fatto date una possibilità a questo libro, merita davvero tanto.


PS. Dopo aver letto il libro, rimangio il mio iniziale pensiero sul titolo dell'edizione italiana, Il tuo meraviglioso silenzio mi sembrava uno di quei titoli messi lì a casaccio invece devo ricredermi, essendo la protagonista muta, c'entra e come!

Nessun commento:

Posta un commento