venerdì 3 luglio 2015

Recensione #22: The sky is everywhere di Jandy Nelson

Ciao a tutti, miei amati lettori :*
Come sta cominciando per voi Luglio? Per me niente di nuovo, eccetto questo nuovo passatempo che sto cominciando ad avere, l'hand lettering, sapete cos'è? Io sono nuova del settore diciamo, ma da quanto ho capito è l'arte dello scrivere a mano frasi o citazioni in bei font che di solito si usano con Photoshop o programmi di grafica digitale simile, io mi sto proprio divertendo *_* e scrivo le mie citazioni preferite dei libri che leggo ^_^
Ma basta chiacchiere, quest'oggi sono qui per dirvi cosa ne penso di questo libro:

Titolo: The sky is everywhere
Autore: Jandy Nelson
Casa editrice: Fazi editore
Data di pubblicazione: 26 Maggio 2011
Pagine: 270
Prezzo cartaceo: €15,00

Trama:
La diciassettene Lennie Walker è praticamente perfetta: ama i libri, suona il clarinetto nella banda della scuola, e trascorre gran parte del suo tempo felicemente riparata dall’ombra della volitiva sorella maggiore, Bailey. Ma quando Bailey muore, d’improvviso, Lennie si ritrova catapultata al centro del palcoscenico della sua vita. E a dispetto della sua inesistente esperienza con l’altro sesso, si troverà a barcamenarsi tra le attenzioni di ben due ragazzi… Toby è l’ex fidanzato di Bailey: il suo dolore fa da eco a quello di Lennie. Joe, invece, si è da poco trasferito in città, dopo un’infanzia trascorsa a Parigi, e il suo magico sorriso sembra essere eguagliato solo dal suo straordinario talento musicale. Per Lennie, Toby e Joe sono come il sole e la luna: se uno è capace di spazzar via il dolore, l’altro le offre conforto dentro di esso. Eppure, proprio come le loro controparti celesti, i due ragazzi non possono trovarsi l’uno nell’orbita dell’altro senza che il mondo esploda.

Recensione:
“The sky is everywhere, it begins at your feet.”
Non so per quale motivo ma parlarvi di questo libro non mi risulta semplice, ecco perché ci ho messo così tanti giorni a scrivere questa recensione, a differenza delle mie solite abitudini.
Forse c'entra il fatto che è stata "una scelta di cuore" nel senso che non avevo mai preso in considerazione l'idea di leggerlo, non so nemmeno perché, ma poi ho letto una recensione (quella di Simona Juliette) e mi ha incuriosita, affascinata, per la precisione e così ho cominciato a leggerlo approfittando del gruppo di lettura organizzato da Firefly e Sophie, e menomale che l'ho fatto, altrimenti mi sarei persa un gran bel libro.
Come dice la trama, The sky is everywhere ci racconta di Lennie, una diciassettenne, che sta cercando di elaborare un lutto, la morte della sorella Bailey l'ha sconvolta. Durante il libro Lennie realizza di essere stata un po' un pony da compagnia affianco della sorella, cavallo da corsa, molto più socievole e audace di lei. Chiedendosi come farà a vivere senza la sorella, com'è possibile che nonostante la morte di una persona, la natura continui a fare il suo corso e le persone dopo un po' comincino a dimenticare ed andare avanti, Lennie si ritroverà a pensare che, prima della morte della sorella, non ha mai vissuto realmente ma è stata come addormentata senza mai rendersi conto della bellezza della vita. 
“How will I survive this missing? How do others do it? People die all the time. Every day. Every hour. There are families all over the world staring at beds that are no longer slept in, shoes that are no longer worn. Families that no longer have to buy a particular cereal, a kind of shampoo. There are people everywhere standing in line at the movies, buying curtains, walking dogs, while inside, their hearts are ripping to shreds. For years. For their whole lives. I don't believe time heals. I don't want it to. If I heal, doesn't that mean I've accepted the world without her?”

Man mano cominciamo a conoscere oltre che Lennie, Toby il fidanzato di Bailey e Joe, un ragazzo francese molto affascinante, appena arrivato a scuola.
Toby è un tipo tranquillo e taciturno tant'è che Lennie si è sempre chiesta come mai la sorella avesse scelto proprio lui, da lui Lennie si sente capita perché sa che anche Toby, come lei sta soffrendo.
Invece Joe, porta a Lennie un po' di joi de vivre, con le sue sventolate di ciglia *_* e i suoi sorrisi.
“... if you're someone who knows the worst thing can happen at any time, aren't you also someone who knows the best thing can happen at any time too?”
Sì, si crea un triangolo amoroso, di solito non li sopporto, ma non questo, questo è diverso, non ha scene melense, la protagonista non passa interi giorni a chiedersi "Tizio o Caio?" o a dire cose tipo "Tizio ha degli occhi così belli, ma Caio ha un sorriso stupendo!" o cose così, insomma non mi ha dato fastidio, anzi (e se volete saperlo io sono del team Joe) 
Poi leggendo, conoscerete anche la nonna delle ragazze e zio Big, Lennie e la sorella infatti vivono con loro perché sono state abbandonate da piccolissime dalla madre che, colpita dal "gene dell'irrequitezza" è andata in giro per il mondo. La nonna e zio Big, sono dei personaggi davvero particolari, un po' buffi e strani, direi. Lei appassionata al giardinaggio e convinta che le sue rose siano magiche, lui gran donnaiolo che prova a resuscitare insetti. 

Uno dei motivi per cui questo libro mi è tanto piaciuto è lo stile. Considerando che il tema affrontato è quello di un'adolescente alle prese con un lutto, devo dire che l'autrice è stata molto "delicata", lo stile, mai noioso e pesante, è stato leggero e non tanto malinconico da rattristarmi e credetemi a volte, con altri libri, mi è successo.
“I’ve never once thought about the interpretative, the storytelling aspect of life, of my life. I always felt like I was in a story, yes, but not like I was the author of it, or like I had any say in its telling whatsoever. You can tell your story any way you damn well please. It’s your solo.”
Ma sapete qual è la cosa che più mi è piaciuta del libro? Le poesie. Lennie ha quest'abitudine: scrivere poesie o ricordi della sorella ovunque, in scontrini, bicchieri, spartiti... e poi buttarli e disperderli nel mondo. Queste poesie sono riportate e sono davvero davvero toccanti.
Insomma, ormai l'avete capito: questo libro mi è proprio piaciuto!


Voi l'avete letto?
Che ne pensate?
Pamy

 Ps. Sapete che ne faranno un film?! Sarà prodotto da Selena Gomez e lei stessa interpreterà Lennie *_* Non è fantastico?! Yuppie!!

4 commenti:

  1. UN FIIIILM*-* NOOOOO CHE BELLOOOO! SELENA GOMEZZZZZZZZ yeees questa si che è una bella notizia, ho amato questo libro *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, è STRAORDINARIO *_* non vedo l'ora!!!

      Elimina
  2. Uauuuu! Non sapevo del film... bene bene bene! Adesso sono curiosa di sapere chi sceglieranno per Joe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è quello che vogliamo sapere tutte immagino xD

      Elimina